Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/1822/5085

TitleL’utilizzo di ceppi modificati di saccharomyces cerevisiae in enologia
Author(s)Schuller, Dorit Elisabeth
Casal, Margarida
KeywordsCeppi geneticamente modificati
Ceppi enologici
Saccharomyces cerevisiae
Issue date2006
JournalRevista Internet de Viticultura e Enologia
Citation"Revista internet de viticultura e enologia". ISSN 1826-1590. 2:1 (2006)
Abstract(s)Negli ultimi decenni, la scienza e la tecnologia degli alimenti hanno contribuito all’introduzione di nuovi prodotti per soddisfare le richieste nutrizionali, socio-economiche e di qualità. Con la moderna genetica molecolare, l’importanza industriale di Saccharomyces Cerevisiae è accresciuta ulteriormente. La richiesta di ceppi geneticamente modificati (GM) di S. cerevisiae per il biodiesel, l’industria delle bevande e del pane o per la produzione di prodotti biotecnologici (per esempio, enzimi, prodotti farmaceutici) continuerà a crescere in futuro. Negli ultimi anni, sono stati ottenuti numerosi ceppi enologici specializzati di S. cerevisiae , che presentavano diverse e nuove proprietà enologiche, in grado di soddisfare le richieste derivanti dalle moderne pratiche di vinificazione. La comprensione delle complessità del transcrittoma, proteoma e metaboloma darà un contributo decisivo alla conoscenza della composizione genetica dei ceppi commerciali enologici ed influenzerà il miglioramento genetico grazie all’ingegneria genetica. I progressi più importanti riguardanti le implicazioni dell’utilizzo di ceppi GM nell’industria enologica sono discussi in questo articolo. Vengono considerati diversi aspetti, incluse le strategie utilizzate per la costruzione di ceppi nel rispetto degli obblighi legislativi attuali, la valutazione dei rischi ambientali riguardanti i ceppi geneticamente modificati, i metodi per il rilevamento del DNA ricombinante e la proteine e le ragioni dell’atteggiamento negativo dei consumatori nell’utilizzo di tali ceppi.
TypeArticle
DescriptionTrata-se de uma tradução do seguinte artigo D. Schuller e M. Casal. 2005. The use of genetically modified yeast in the wine industry. Applied Microbiology and Biotechnology 68, 292-304.
URIhttp://hdl.handle.net/1822/5085
ISSN1826-1590
Publisher versionwww.infowine.com
Peer-Reviewedyes
AccessOpen access
Appears in Collections:DBio - Artigos/Papers

Files in This Item:
File Description SizeFormat 
2006_infowine_ceppi modificati.pdfArtigo411,34 kBAdobe PDFView/Open

Partilhe no FacebookPartilhe no TwitterPartilhe no DeliciousPartilhe no LinkedInPartilhe no DiggAdicionar ao Google BookmarksPartilhe no MySpacePartilhe no Orkut
Exporte no formato BibTex mendeley Exporte no formato Endnote Adicione ao seu ORCID